LA 24H del Ring vista e vissuta da TopGamer

La 24h del Ring è trascorsa da qualche giorno, ed è ora di mettere nero su bianco un resoconto che provi a catturare le emozioni provate dall’intero Team Prodrive.

Gli split totali, nella nostra sessione, sono stati 20 (tenete presente che ci sono 4 orari diversi per la gara, a seconda dei fusi orari). In ogni split ci sono 50 auto, per ogni auto ci sono in media 4 piloti: questo significa che, solamente nell’orario di partenza “europeo”, sono scese in pista circa 4.000 persone.

Gli equipaggi Prodrive hanno corso negli split 4 (911), 5 (GT3Pro), 13 (GT3AM) e 17 (GT3Rookie). Il team 911 si è pertanto trovato in uno split più “forte” di quello del team GT3Pro, sostanzialmente perché non sono stati tantissimi gli equipaggi a schierarsi al via con la Cup. Domare “la belva” nell’Inferno Verde non è una cosa alla portata di tutti!

Dopo le qualifiche, disputate sulla distanza di due soli giri, tutte le formazioni ProDrive si sono schierate sulla griglia di partenza. Da quel punto in poi siamo rimasti in contatto sostanzialmente tramite Whatsapp, aggiornandoci regolarmente sulle rispettive posizioni. Ogni singola squadra, ovviamente, aveva poi la sua chat Discord sempre aperta.

I primi giri sono stati, come da previsione, un mezzo massacro (anche a causa di una decisione secondo noi poco sensata, che permetteva a chi usciva dalla gara dopo un incidente di iscriversi a una delle partenze nei fusi orari successivi – cosa che ovviamente ha portato molti a rischiare troppo, tanto poi potevano riprovarci…).

Andando per ordine di stint, partiamo dal team 911, che… ha trionfato! Proprio così, l’equipaggio di cui facevo parte ha conquistato la 24h del Ring nel proprio split, al termine di una gara davvero straordinaria. Per prima cosa, devo dire che i miei compagni hanno vinto “nonostante” la mia presenza. Giusto il giorno prima dell’evento infatti ho ricevuto la prima dose del vaccino Covid e, puntualmente, da sabato pomeriggio a domenica sera ho avuto un bel febbrone. La febbre fra l’altro è arrivata praticamente quando ho iniziato a guidare (sarà stata la tensione?), col risultato che, dopo dei primi stint condotti senza errori dai mei compagni, che ci avevano portato in ottima posizione, sono andato a sbattere in stile Russell/Bottas e ho rovinato la vettura, consegnandola al pilota successivo in condizioni non certo ottimali, con lo sterzo storto e una fastidiosa mancanza di sicurezza nelle curve veloci verso destra.

Eppure, a dimostrazione di quanto detto negli articoli precedenti, alla lunga la regolarità ha pagato. Ora dopo ora, dalla sera alla notte, dall’alba al mezzogiorno, noi abbiamo continuato a girare con costanza, senza più commettere errori, mentre tutti i nostri rivali hanno sbagliato più volte. La squadra arrivata seconda, in particolare, era davvero veloce, molto più di noi, ma ha completamente sbagliato la strategia, spingendo troppo e finendo per doversi fermare più volte ai box e concludendo infine con un giro di distacco dalla nostra ammaccata Porsche. Gli altri, tutti ancora più indietro.

Un risultato prestigioso, dunque, che ci ha riempito di gioia, anche perché ottenuto nel più puro spirito endurance: non mollare mai, e inanellare un giro dopo l’altro riducendo al minimo gli errori commessi. Posso solo ringraziare i miei compagni (Scuri/De Cillis/Figuccio/Fruscalzo), che sono stati letteralmente epici.

Veniamo ora al team GT3Pro, la punta di diamante dello schieramento Prodrive. Qui purtroppo si è verificato uno dei classici “inconvenienti” da 24h, con uno dei piloti che ha bruciato la propria scheda video appena prima del via (e ha cannibalizzato quella del vicino di casa, per tornare in pista). La gara, dal SOF decisamente elevato (4.200), ha visto il team GT3Pro risalire durante la notte le posizioni perse a causa di un contatto iniziale, arrivando al 4° posto: quando però il podio sembrava a portata di mano, un altro contatto con un muretto ha costretto la BMW a fermarsi ai box per 11 minuti. Alla bandiera a scacchi l’auto è riuscita comunque a chiudere al quinto posto, un piazzamento di rilievo che rende onore alla velocità e alla bravura dell’equipaggio Ferrari/Modica/De Moliner/Barile.

Tocca ora al team GT3AM, che dopo una partenza senza troppi intoppi è stato costretto ad una sosta per riparazioni, in seguito ad un incidente al Karussell. Cambio di strategia volante e inizia subito una rimonta, resa però difficoltosa dalle avversità del circuito e da un errore di guida dei nostri, che pizzicano le barriere e sono costretti a un’altra sosta per riparazioni. Gli stint notturni vedono un grande recupero, interrotto purtroppo all’alba da un problema di natura tecnica. 15° posto finale, un risultato sicuramente buono, considerato che la squadra composta da Perucci/Bonaventi/Depalmas/Intieri era alla prima esperienza insieme. Menzione d’onore per lo stoico Depalmas, capace di concludere tutti i suoi turni al volante senza commettere neppure un errore, entrando addirittura nella Top 10 dei piloti più “puliti” dell’intera 24h del Ring.

Chiudiamo con l’equipaggio del team GT3Rookie, che forse ha rappresentato al meglio l’essenza Prodrive in questa giornata. L’equipaggio comprendeva piloti che, fino a un mese fa, neppure avevano girato al Ring, nonché aggiunte “dell’ultimo minuto”, il tutto sotto l’esperta guida del nostro “Yoda”, Ivo Andreini. La gara si è svolta con alterne fortune, come è ovvio e giusto che sia per una squadra che non aveva ambizioni da vittoria: errori, rimonte spettacolari, cambi di strategia, recuperi fino all’ultimo metro dell’ultimo giro… Alla fine la posizione in classifica recita 12° posto, ma per tutti i piloti il valore è lo stesso del gradino più alto del podio. Onore quindi ad Andreini/Banello/D’Imporzano/Bellini/Arnaboldi/Mortellaro.

La cosa più bella è stata sicuramente ritrovarsi tutti online dopo l’evento, per raccontarsi quanto accaduto e per scambiarsi opinioni e impressioni su come sono andate le cose in pista. E ancora più bello è stato quando, dopo 24 ore trascorse sostanzialmente fra volante e Discord, qualcuno se ne è uscito dicendo “ragazzi, ma stasera c’è questa garetta da 2 ore, sapete che quasi quasi…”.

Prima di chiudere, due parole veloci sull’evento dei “professionisti” veri: in top split ha dominato il team Redline, che schierava Verstappen e altri due fenomeni – Benecke e Lulham, che magari non corrono in Formula 1, ma su iRacing vanno come e forse più dell’olandese. Così Max, dopo Imola, si è portato a casa la seconda vittoria in due settimane. Qui potete vedere il resoconto ufficiale dello split 1.

qui il filmato “ufficiale” del Team Redline.

Vi lascio anche un link Youtube dove potete scoprire diversi momenti della 24h, tutti sempre spettacolari.

Cala così il sipario sulla 24 Hours Nürburgring 2021, un evento che, per oltre un mese, ha rappresentato il punto fermo delle nostre giornate. O almeno uno dei punti fermi! L’anno scorso il team Prodrive aveva conquistato un secondo posto, quest’anno è arrivata addirittura una vittoria: le costanti sono state impegno, tanto, e divertimento, ancora di più.

E adesso? Beh, adesso c’è la 24 Ore di Le Mans, che domande!

Articoli correlati

Alla scoperta di iRacing – 24 ore nell’Inferno Verde

Verso la 24 ore del Nürburgring: auto, tracciato, assetto

Verso la 24 ore del Nürburgring: l’attrezzatura dei piloti

La 24 ore del Nürburgring: gentlemen, start your engines

Riepilogo S4 Week 7

La week 7 non ha portato vittorie ai nostri portacolori, ma diversi piazzamenti.

Nel LMS a Suzuka hanno gareggiato Vicalvi e Solbiati, entrambi con un quarto posto come miglior risultato. La classifica delle rispettive divisioni (2 e 3) migliora settimana dopo settimana.

In Advanced Mazda, infine, Roberto Ferrari si piazza secondo e continua ad accumulare iR, guardando tutti dall’alto del primo posto della Division 1. Simone Modica e Mauro De Moliner non sono da meno: podio anche per loro a Suzuka e nella classifica di Division 3.

Nel Kamel GT Franco Scuri ha sfiorato il podio, con un buon quarto posto, confermando il secondo posto generale in Division 2.

Riepilogo S4 Week 6

Metà stagione volata via. Ecco i risultati del team negli eventi “regolari” di iRacing.

In Advanced Mazda, Roberto Ferrari continua a stupire: vittoria, primo posto in gara e muro dei 5.000 di iRacing superato! Il primo posto in Division 1 è sempre più saldo per il nostro pilota. Ottimi come sempre anche Simone Modica e Mauro de Moliner, sempre al primo e al terzo posto della Division 3.

Nel Kamel GT, Franco Scuri rimane saldo al secondo posto in Division 2. Questa settimana un’ottava posizione per lui, in una gara che ha sfiorato i 3K di SOF.

Spostandoci in LMS, questa settimana ottimi risultati per Federico Vicalvi, che conquista il podio e risale in classifica nella Division 2, e Davide Solbiati, che vince a Le Mans e avanza sua volta in classifica, in Division 3 questa volta. Tanta sfortuna per Andrea Brachetti, che non riesce a concludere come avrebbe meritato le due gare disputate.

Season 1 2020 – Week 8

Ecco il resoconto della settimana appena conclusa, veloce veloce, quasi quanto i nostri piloti!

Sabato il MilkZoo GTO ha fatto tappa dall’altra parte del mondo, in Australia, sul difficilissimo tracciato di Mount Panorama. Vincente come sempre la prova del nostro Franco Scuri, che si è piazzato 4° nella classifica generale di categoria. Alle sue spalle troviamo i sempre presenti Remigio di Pasqua e Juan Ignacio Jodurcha (7° e 9°). Nella classifica generale del Kamel GT, Franco Scuri ha per ora il primo posto nella Div.2 e il quarto posto nella classifica assoluta mentre nel Campionato MilkZooGTO è saldamente in testa con oltre cinquanta punti di vantaggio sul secondo.

In Porsche Cup, Davide Solbiati ha trovato all’ultima gara utile un buon risultato a Brands Hatch, pista poco gradita dal nostro pilota. 101 punti per lui, che resta nella top 10 della division 3.

Sempre con la Cup, Bertrand Cordier di punti ne ha ottenuti 125, grazie a una buona media: sulle sei gare disputate, il miglior risultato è stato un ottimo 5° posto in top split.

Spostandoci in F3, Andrea Brachetti è sceso in pista una volta a Phillip Island, concludendo in sesta posizione e tornando in Italia con 123 punti utilissimi per il campionato.

Una sola gara per Cristian Scrascia, in Rallycross a Daytona: il nostro pilota ha chiuso al secondo posto, confermando l’ottimo feeling con la categoria.

Franco Scuri, oltre al dominio nella prova del MilkZoo GTO, ha brillato anche nell’altra gara settimanale a Mount Panorama, dove è riuscito a salire sul secondo gradino del podio.

Il prossimo fine settimana si correrà ancora a Mount Panorama, per la 12h: a causa di alcuni problemi, tecnici e fisici, il nostro team è un po’ in difficoltà. Cercheremo comunque di essere al via e di portare a termine la competizione.

Season 1 2020 – Week 6

Questa settimana è tutta dedicata alla 24 ore di Daytona, che ha visto il nostro team al via con un equipaggio formato da cinque persone: Francesco e Ivo Andreini, Federico Vicalvi, Alessandro Bellaville e Claudio Perrucci.

La gara è stata entusiasmante come tutte le 24 ore, con un alternarsi di avvenimenti ed emozioni davvero impagabile.

L’inizio per la nostra Audi R8 non è stato dei migliori: prima un’uscita di pista all’ultima variante, poi il coinvolgimento nell’incidente fra due altre vetture in fase di sorpasso. Siamo ripartiti, ma l’auto aveva riportato dei danni, non sappiamo se al radiatore o al cambio, perdendo molta velocità. Poi, dopo un paio d’ore, il motore ha ceduto di schianto.

Oltre 40 minuti fermi ai box a riflettere. Si puntava al podio nello split, ma il tutto sembrava compromesso. Siamo arrivati a un passo dal ritiro quando il nostro Federico, alla sua prima endurance, ha detto la frase che ha convinto tutti a continuare: “Io non mollo, io questo weekend voglio fa’ Daytona!

Di nuovo in auto, verso la notte e oltre. La R8 è tornata veloce, quasi come nuova, anche lei ha ritrovato lo spunto. Giro dopo giro, ora dopo ora, abbiamo rosicchiato chilometri e posizioni, fino a concludere la gara con un ottimo nono posto finale, che ha ripagato i ragazzi della fatica fatta. Come sempre, nelle endurance non conta soltanto la destinazione, la parte bella è il viaggio!

Venendo al Campionato Italiano MilkZoo GTO, questa settimana il circus si è fermato a Barcellona. Vittoria italiana per Franco Scuri (6° nella generale), con a seguire Giulio Forcolin e Marco Cesana.

E ora, i piloti singoli. Andrea Brachetti ha corso una sola volta a Road Atlanta, con la sua F3, portando a casa un’ottima 10° posizione, con relativi 112 punti campionato.

Angelo De Cillis ha conquistato uno strepitoso secondo posto a Daytona, in top split, con la sua Porsche 911 GT3 Cup, ottenendo ben 151 punti campionato ed entrando nella top 10 della division 2.

Secondo posto anche per Davide Solbiati, sempre con la GT3 Cup, in uno split meno nobile, però: alla fine i punti sono 110 e anche in questo caso, almeno per ora, la top 10 della division 3 è centrata.

Claudio Perrucci ha girato in IMSA a Daytona, anche per prepararsi alla 24h, ottenendo un 5° posto nella gara a cui ha partecipato.

Cristian Scrascia ha ottenuto una bella vittoria in Rallycross, sul Lucas Oil Raceway, salendo poi sul podio altre due volte, sempre nel Rallycross. In BMW Challenge, invece, Cristian ha conquistato una quinta posizione.

Franco Scuri, nella gara preparatoria per il MilkZoo GTO, ha conquistato una quarta posizione, sfiorando il gradino più basso del podio a Barcellona.

24 Ore di Daytona

Daytona, USA, una pista che ha l’endurance nel sangue, a partire da una 6 ore organizzata nel 1959, poco dopo la creazione del tracciato.

Le 24 ore di durata furono raggiunte nel 1966 e da allora, salvo alcune eccezioni, ogni anno si corre la prestigiosa 24 Hours of Daytona, o Rolex 24 At Daytona per usare l’attuale denominazione ufficiale. Si corre nella realtà, e naturalmente si corre su iRacing!

ProDrive Team a Daytona non ci andrà per davvero, ma nel simulatore ci saremo eccome, pronti a prendere il via nello spirito che ci contraddistingue: ottenere il massimo divertimento, grazie al massimo impegno.

La nostra Audi R8 LMS, impreziosita dalla spettacolare livrea creata appositamente per l’occasione dal bravissimo Roberto Pasquero, sarà condotta in pista da Ivo Andreini, Francesco Andreini, Alessandro Bellaville, Claudio Perrucci e Federico Vicalvi.

L’evento avrà inizio sabato 18/01 alle ore 14:30 CET e verrà trasmesso Live – non appena sarà disponibile il relativo link, aggiorneremo questo post.

In bocca al lupo ai nostri portacolori e a tutti i piloti italiani che affronteranno queste 24 lunghissime ore!

Season 1 2020 – Week 5

È martedì, è tempo degli aggiornamenti settimanali ProDrive!

Prosegue come sempre il Campionato Italiano MilkZoo GTO, questa settimana a Zandvoort: ancora una volta fra i piloti tricolori si è imposto Franco Scuri (8° generale), che ha preceduto sul podio Juan Ignacio Jodurcha, Remigio Di Pasqua e Alex Nocera.

La 911 GT3 di Davide Solbiati ha sfidato per 6 volte la pista di Zandvoort, con alterne fortune. Miglior piazzamento del nostro pilota un 5° posto, mentre è stato un 7° posto in top split a fruttare il maggior numero di punti, 114.

Una sola prova a Zandvoort è stata sufficiente per Angelo De Cillis, anche lui con la Porsche: un ottimo sesto posto in top split gli è valso 122 punti, molto utili per la classifica del campionato.

Una gara anche per Francesco Andreini sul tracciato olandese: il nostro portacolori ha saputo guidare la sua 911 GT3 alla settima posizione in top split, ottenendo 120 punti grazie a un buon SoF.

Spostandoci in IMSA, Claudio Perrucci ha completato due gare a Road America con la sua R8, chiudendo entrambe le volte all’8° posto, cosa che gli consente di mantenere la propria posizione nelle classifiche di categoria.

Due gare anche per la F3 di Andrea Brachetti sul tracciato di Road America, ancora una volta con poca fortuna: verranno di sicuro tempi migliori per Andrea, che saprà mettere a frutto la sua velocità.

Federico Vicalvi di gara a Road America ne ha fatta una soltanto, guidando la sua F3 a un buon 12° posto in top split e incamerando 107 punti.

Franco Scuri, in preparazione per la gara del MilkZoo, ha affrontato una gara a Zandvoort con l’Audi 90 GTO, partendo dalla sesta posizione e concludendo dodicesimo per problemi tecnici dopo essere ripartito dai box in quindicesima posizione.

Chiudiamo con Cristian Scrascia, che ha corso in IMSA e Rallycross (a Road America e Daytona, rispettivamente), ottenendo un 5° posto nella prima categoria e un 2° posto nella seconda, come migliori risultati.

Accanto alle attività nei vari campionati, i piloti ProDrive sono impegnati nella preparazione della 24h di Daytona e della successiva 12h di Mount Panorama.

Inoltre segnaliamo un’iniziativa molto interessante, aperta a tutti, con tanto di premi per i migliori classificati. Time attack sul Ring Combined con la 911 GT3 Cup – è il Paradiso, questo? O è l’Iowa?

#TimeAttack – #iRacing – ProDrive e-Sport Team – MHSPartecipa in esclusiva sulla Beta UI iRacing nella S1-2020 al Time…

Pubblicato da ProDrive Team su Lunedì 13 gennaio 2020

Season 1 2020 – Week 4

Vacanze finite, si torna al lavoro. Quello “finto”, perché quello vero, quello di pilota virtuale, non l’abbiamo mai messo in pausa!

Iniziamo dal MilkZoo GTO, come sempre, che questa settimana si è svolto sul circuito più bello del mondo, il Ring. Vittoria per il nostro Franco Scuri nella prova delle GTO (8° posto globale), davanti a Marco Cesana. Ecco un intero giro da ammirare! https://www.youtube.com/watch…

In Porsche 911 GT3 Cup, Bertrand Cortier è sceso due volte in pista a Lime Rock, in una settimana corta per lui, ottenendo un 10° posto da 93 punti come miglior risultato.

Una sola gara a Lime Rock per Angelo De Cillis e la sua 911 Cup, conclusa con un ottimo 7° posto in top split da 116 punti. Quando si dice sfruttare al meglio le occasioni! Ecco qualche minuto della sua gara: https://www.facebook.com/angelo.decillis/videos/10221557478192252/

Quattro le gare per Davide Solbiati, invece, che per tre volte ha concluso in malo modo, principalmente a causa di errori di guida. All’ultima occasione è spuntato fuori un 9° posto da 90 punti, a rendere parzialmente meno amara la settimana.

Francesco Andreini, ultimo pilota della pattuglia 911 GT3, di gare ne ha fatte 5 a Lime Rock, con ottimi risultati: vittoria nel secondo split e altri due piazzamenti nei primi 5, dimostrazione di un feeling notevole con questa difficile pista.

Alessandro Bellaville è riuscito a salire sul podio a Imola, nella serie IMSA, in una delle tre prove disputate sul circuito italiano.

Sempre in IMSA, Claudio Perrucci ha sfidato due volte il tracciato di Imola, ottenendo come miglior piazzamento una 7° posizione.

Andrea Brachetti e la sua F3 hanno affrontato per tre volte il circuito di Barcellona, senza però riuscire a trovare il risultato sperato, anche a causa di un bel po’ di sfortuna.

Anche la F3 di Federico Vicalvi non ha avuto vita facile sul circuito catalano, dove nelle 5 prove disputate il nostro pilota ha raccolto come miglior risultato un 13° posto in top split, del valore di 109 punti.

Cristian Scrascia ha corso con le Supercars, cogliendo un buon 5° posto al Glen, in IMSA, con la M8, nel RallyCross (2° posto per lui) e in Kamel GT, dove al Ring ha saputo cogliere un’ottima 7° posizione.

Season 1 2020 – Week 3

Mentre quel fancazzista di Babbo Natale è già tornato ai suoi 364 giorni annui di riposo, noi stakanovisti del volante stiamo chiudendo l’anno col botto.

Iniziamo dal campionato italiano MilkZoo GTO, che per sfuggire all’inverno è andato a correre nell’estate australiana di Phillip Island. La vittoria è andata al nostro Franco Scuri (9° nella generale), seguito da Remigio di Pasqua e Juan Ignacio Jodurcha.

Venendo ai singoli piloti, due gare a Sebring per la F3 di Andrea Brachetti, che grazie a un 8° posto in uno split da 3.544 di SoF porta a casa 148 punti molto utili per il campionato.

Angelo De Cillis ha completato quattro prove a Charlotte, con la Porsche Cup. Nonostante la sfortuna che ne ha pregiudicato un paio di gare, è riuscito a conquistare un ottimo quarto posto, valevole per 122 punti.

Bertrand Cortier a Charlotte ha corso a ripetizione, dimostrandosi sempre molto veloce e riuscendo anche a salire sul secondo gradino del podio. Molto buono il suo bottino, con 153 punti a rappresentare la punta massima.

Sempre in Porsche Cup, Francesco Andreini di gare a Charlotte ne ha completate tre, riuscendo a conquistare una splendida vittoria da 120 punti all’ultimo tentativo.

A chiudere con le 911 GT3 abbiamo Davide Solbiati. Una vittoria anche per lui nelle 12 gare completate a Charlotte, con 112 punti come miglior risultato ai fini della classifica.

Claudio Perrucci in IMSA ha sfidato l’autodromo di Monza, completando 4 gare. Posizioni da centro classifica per lui, che continua a riprendere confidenza con piste e vettura.

Cristian Scrascia ha corso con BMW, Mazda e Imsa, ottenendo come miglior risultato della settimana un secondo posto a Lime Rock in Global Mazda.

Franco Scuri, fedele alla sua GTO, oltre alla prova del MilkZoo GTO ha completato un’altra gara, concludendo al sesto posto sul circuito di Phillip Island.

E adesso… 2020! Con la 24 ore di Daytona che si profila all’orizzonte e il team che già prepara livrea e gara…

Season 1 2020 – Week 2

Oh oh oh! Siamo in quei giorni dell’anno in cui tutti sono più buoni! Tranne che in pista. In pista nessuno è buono, mai.

La settimana appena trascorsa ha visto la conclusione del campionato Verapelle Supercup. Il nostro Angelo De Cillis è riuscito a imporsi sulla pista di Watkins Glen, conquistando così i punti necessari per assicurarsi il terzo gradino del podio. Davanti a lui Alessandro Tessitore, 2°, e Andrea Fontana, 1°. 9° posto finale per Davide Solbiati, 14° per Franco Scuri e 17° per Ivo Andreini.

Il MilkZoo GTO ha invece fatto tappa a Silverstone per la seconda prova del campionato. La vittoria fra gli italiani è andata a Marco Cesana che ha preceduto Franco Scuri e Juan Ignacio Jodurcha. Il nostro Franco mantiene la prima posizione in classifica, ma la lotta sembra farsi più serrata.
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10158293570664119&set=gm.2494381090835700&type=3&theater&ifg=1

Alessandro Bellaville e la sua Audi R8 hanno affrontato per due volte Spa nella IMSA, cogliendo una vittoria e un terzo posto in una settimana decisamente positiva.

Claudio Perrucci a Spa ha corso una volta soltanto, restando coinvolto in un incidente che ha purtroppo pregiudicato la sua gara e la sua settimana.

Andrea Albertinelli si è divertito a Mount Panorama con le spettacolari V8. Tre gare per lui, con un bel secondo posto come miglior risultato in mezzo agli specialisti australiani di questa vettura e di questo tracciato.

Andrea Brachetti è sceso in pista una volta a Donington con la sua F3, riuscendo a ottenere un’ottima 6° posizione da 148 punti, in Top Split.

Federico Vicalvi non ha invece trovato il feeling con la pista inglese, e la sua settimana in F3, che lo ha visto completare una gara, si è conclusa senza acuti.

Angelo De Cillis e la sua GT3 911 Cup hanno sfidato Belle Isle per tre volte, ottenendo come miglior piazzamento una 8° posizione da 100 punti.

Anche Bertrand Cortier ha corso a Detroit: sette le gare disputate, con un 3° posto come miglior piazzamento e 147 punti a impreziosire la settimana del veloce pilota californiano.

Continuando con la nostra pattuglia della Porsche Cup arriviamo a Francesco Andreini, che ha completato 4 gare sul tracciato di Detroit, piazzandosi per due volte al secondo posto e ottenendo 123 punti per la classifica generale.

Abbiamo poi Davide Solbiati, l’ultimo dei nostri alfieri in GT3 Cup: a Belle Isle ha tagliato per due volte il traguardo, concludendo la settimana con una buona 4° posizione e 114 punti campionato.

Cristian Scrascia ha provato a correre nella BMW Challenge, dove è riuscito a conquistare un buon 5° posto nella gara disputata sul tracciato di Brands Hatch.

Ivo Andreini, per chiudere, ha conquistato l’8a posizione nella Winter VLN in notturna, sul Ring. Un risultato confortante , anche considerato che Ivo aveva problemi di setup con il recente update sw di oculus (il cofano della porsche ondeggiava più di quello di una Citroën 2cv con ammo scarichi) 

Questo è quanto. Che dire: buone feste al volante!